Si è lì, uno sguardo al proprio materasso, poi la propria immagine nello specchio, e ci si chiede: “Tolgo o non tolgo il reggiseno?”. La grande tentazione è quella di gettarsi sul letto a goderne il tenero abbraccio evitando quel fastidioso contrattempo dello slacciarsi il reggiseno con tanto di incrocio innaturale delle braccia dietro la schiena. L’alternativa, non meno comoda, è quella di lanciar via ogni forma di compressione, e gettarsi tra le braccia di Morfeo, libere.

DORMIRE IN CON O SENZA REGGISENO?

Entrambe le soluzioni apportano le loro motivazioni in termini di confort, ma quale delle due potrebbe risultare un vantaggio per il proprio seno? La prima, dormire col reggiseno, o la seconda, dormire senza? Da un lato, quindi, la voce sempre più insistente negli ultimi mesi, secondo cui dormire col reggiseno rischia di deformare il proprio decollete; dall’altro la voce della tradizione, quella che voleva Marilyn Monroe sopportare i ferretti notturni, per evitare ogni forma di cedimento.

Se anche voi siete tentate di migliorare l’aspetto del vostro seno sfruttando il dolce far nulla delle ore notturne destinate al sonno e il sollievo del corpo sulla spinta di un buon materasso, ascoltate la risposta alla questione, giungere direttamente dalle parole di un luminare dell’argomento: Seth Rankin, fondatore della clinica London Doctors Clinic.

Il dottore comincia col ribadire quell’ovvietà che molte donne non vorrebbero così ovvia: il seno, col tempo, è destinato a prolassare. Il perchè è evidente. La forza di gravità, nella giovinezza, è controbilanciata da una grande elasticità dei tessuti che, unita al tono muscolare proprio del fiore degli anni, mantiene il seno alto, ed evita il cedimento alla gravità.

Cedimento però che con l’età è destinato a sopraggiungere, perchè il tessuto connettivo perde in elasticità. Altri fattori sono in grado di accelerare significativamente questo processo, e sono i seguenti: fumo, gravidanza, genetica, allattamento, calo improvviso del peso corporeo, eccesso di attività fisica. Come vedete, tra le cause del seno cadente precoce, non figura il reggiseno.

Questo perchè non è ritenuto dagli scienziati un fattore di grande rischio rispetto agli altri. Ciò non significa che, seppur in maniera impercettibile, la scelta di dormire con o senza reggiseno, non porti a determinate conseguenze. Il dottor Seth Rankin analizza la cosa da un punto di vista logico, prima che scientifico.

Quando si dorme, solitamente il seno si adagia sul petto, di conseguenza non parliamo di stress per i tessuti, perchè nessuno di essi deve far fronte alla forza di gravità, e resistervi non è necessario. Nessuno sforzo, nessuno sfilacciamento, nessun cedimento. Quando si dorme a faccia in su (come nella maggior parte dei casi) il seno, lasciato libero, non risente di alcuno sforzo. Parimenti, non viene modificato in meglio.

Anche dormire col reggiseno non dovrebbe portare ad alcuna conseguenza, eccezion fatta per chi indossa reggiseni troppo stretti. Questa cattiva abitudine, spesso intrapresa per ragioni estetiche, potrebbe seriamente intaccare i tessuti del seno, andando ad incidere sulla loro elasticità molto prima del tempo.

PRODOTTI DORMIDEA